Se mi racconti

Scritto da Claudia Piccinelli. Postato in Recensioni

Se mi racconti
semi di storie da viaggio

Non è facile restituire la semplicità. Aurora Luzzi con una scrittura agile, asciutta, ben calibrata  ricrea delicate e intense atmosfere quotidiane. Subisce l’affascinu della parola, germogliata dai racconti del nonno Umile, mugnaio-filosofo e maestro di vita, ascoltati seduta su uno sgabello di castagno durante la sacra ritualità della macinazione dei cereali.

Un filo autobiografico riannoda i luoghi dell’infanzia trascorsa in un  sud arroccato tra Cantari e Serricella d’Acri, terra aspra e di emigrazione e, in seguito, un nord catturato  dai suoi occhi di migrante- pendolare, perché: “quello non è un paese per femmine”, ripeteva sempre la nonna.

 Con abilità espressiva, il gesto abituale si fa racconto. Così il percorso ferroviario e la stazione tra Chiari, cittadina della pianura umida e nebbiosa dell’ovest bresciano,  e la Milano ricostruita dalle braccia prolifiche  dei clarensi pendolari, diventano i  luoghi della narrazione. La  metropoli, crocevia di gente che si riversa, per disperdersi e poi reincontrarsi ogni mattina alla stazione di Lambrate,  al bar Bottini, oppure accalcata alla stazione di porta Garibaldi.  Scene di vita ordinaria  cariche di  vena ironica, e ipocrisie messe a nudo  dietro un mondo offuscato dalla frenesia. (Aurora Luzzi, Se mi racconti, Terra d'Ulivi edizioni, Lecce, 2014, euro 12.00).

Poi i racconti di un sud dove ancora pulsa nel sangue la hybris dei Greci, la cultura dei Messapi, con quella presenza di un troppo che permea la quotidianità insieme a un poetico Allegru cori pleni.
Soprattutto quando la memoria ripercorre i  luoghi delle proprie radici,  lo  sguardo bambino di Aurorella   esplora la freschezza e la genuinità di una cultura radicata nel lavoro dei contadini e dei pastori regolato dalle bizzarie del tempo. A Cantari tutti concorrono generosi alla costruzione del ponte per attraversare le due sponde della fiumara senza nome, e  la porta delle case è sempre ammarrata, segno di ospitalità e accoglienza.  Non mancano anche i personaggi malvagi, come u conzaurmelle, il riparatore di ombrelli,  malparliere e ingannatore che ordisce le sue trame  nell’ombra, o come il ragazzotto sfaccendato, ingrato e spillasoldi.

E vicino alla fiumara, sotto la quercia secolare,  lo Scirocco ci immerge nell’inconfondibile profumo di Serricella d’Acri. Come il gusto del piccolo dolce scatena la memoria, così il finocchietto selvatico, l’origano e la mentuccia saturano il vento con il loro tripudio di fragranze, e riconducono  l’autrice  ai luoghi della cava d’argilla dove  sorge la casa nuova. Ogni domenica, l’odore di naftalina delle donne a messa, e il sapore di casa per le  uzunquatelle preparate da mamma, cosparse di miele di fichi.

Conosciamo nonna Cristina, un temperamento appassionato alla lite  da brava “ rivoluzionaria della conservazione”, donna rocciosa vista piangere solo ai funerali e disposta a cedere le sue trecce bianche al capillaru in cambio di tre fiori di plastica. Fiorina, con i suoi vestiti variopinti da lei stessa cuciti, stampa in segreto santini di ogni foggia e colore per convertire i bambini, inconsapevolmente infedeli. Nonna Anninella, appena trentacinque di piede e un cuore immenso, con premura materna ogni giorno frigge le sarde per Carminiellu, un poveruomo uscito innocente, dopo trent’anni di carcere. Ecco, allora, la cornice narrativa di queste figure femminili travalica i confini di una terra sospesa tra la valle del Crati e la Sila, e diventa  occasione per altre donne, in diversi contesti e luoghi, di riconoscersi.

 Se mi  racconti gioca con le parole del sottotitolo semi di storie . Semi di racconti  assecondano il pendolare- viaggiatore, conducono  nel viaggio immaginario oltre i confini della propria terra. Sono  dedicati a quanti vogliano aprirsi alla bellezza semplice dell'esistenza.

                                                                                                                 Claudia Piccinelli

Chiari, 6 Gennaio,2015

vedi Link: www. terradulivi.it